La scelta del cuscino
Accedi

Senza titolo 3

 

l fine di ottenere un sonno ristoratore, oltre alla scelta del materasso è fondamentale la scelta del cuscino. Prima di procedere all’acquisto del “cuscino ideale” è importante valutarne la durezza, lo spessore, i materiali e la forma;inoltre va tenuto conto della posizione assunta durante il riposo. Il cuscino non dovrebbe nè troppo rigido né troppo soffice. In quest’ultimo caso il rischio è quello che non sostenga adeguatamente il collo e la testa. Non si deve quindi pensare morbido=comodo.

I materiali tra i quali si può scegliere sono il memory foam, il poliuretano e la schiuma in lattice. Il memory foam ben si adatta alle forme e al peso della testa. La schiuma in lattice resiste bene alle muffe e agli acari ed è elastica e resistente. Il poliuretano espanso elastico, invece, è tipico dei cuscini ortopedici-ergonomici.

La scelta del cuscino in base alla posizione durante la notte

Posizione supina: si consiglia l’uso di un cuscino che garantisca un buon supporto alla curvatura della cervicale,sostenendo adeguatamente il collo e le spalle. Lo spessore, invece, non dovrebbe essere molto elevato.

A pancia in giù: si consiglia un cuscino non molto alto in quanto la testa dovrebbe trovarsi sullo stesso livello del materasso, o quasi. Un’altezza elevata potrebbe far assumere posizioni non naturali e scomode. Si consiglia una consistenza morbida ed accogliente.

Su un fianco: si consiglia un cuscino alto e denso, che non faccia cioè affondare il capo. Per quanto riguarda la forma l’ideale sarebbe anatomica.